Cosa significa DMX nell’illuminazione?

L’illuminazione moderna degli stadi ti offre un’ampia gamma di eccellenti possibilità di illuminazione se la combini con DMX.

Ma come si determina un sistema DMX adatto alla propria illuminazione?

Una buona conoscenza dei componenti DMX può rispondere a questo.

Ma non preoccuparti perché questo articolo ti darà un quadro chiaro di DMX.

Quanto bene capisci il DMX?

È un protocollo di illuminazione. Molti di noi ammetterebbero di sapere che si tratta solo di DMX. DMX aka Digital Multiplex Signal, consente di controllare 512 canali di luci attraverso un cavo dati. Implica concetti come:

  • I canali pensano a un canale come a un colore che puoi ottenere con una qualsiasi delle tue luci. Consiste in 255 passaggi che puoi assegnare ai tuoi LED per ottenere l’attributo di colore desiderato. Un singolo cavo DMX può gestire fino a 512 canali. Ecco perché hai sentito parlare di DMX-512.
  • I dispositivi definiscono il numero di canali che si desidera controllare per volta. Potrebbe essere un colore come il rosso o una combinazione di colori come RGB. Sarà necessario assegnare gli indirizzi alle apparecchiature utilizzando un decoder/driver DMX.
  • Universo i 512 canali compongono un universo.
dmx512
rgb

Pertanto, un decodificatore/driver può aiutarti a controllare gli attributi in ciascuna luce. Tale controllo dipende dagli indirizzi che assegni a ciascuno di essi. Si noti che questi attributi non dovrebbero essere solo colori. Puoi anche applicare i controlli di attenuazione.

Per aiutarti a capire di più, scopriamo come collegarlo, quali cavi richiede e altri attributi di seguito:

Il rilascio di DMX

È così che è nato DMX…

Chi ha inventato DMX?

Una commissione di ingegneria per l’USITT (United States Institute for Theatre Technology) si avvicinò con DMX nel 1986 nel tentativo di gestire i canali di oscuramento nelle luci per spettacoli teatrali. Tuttavia, aveva bisogno di molti miglioramenti. Pertanto, nel 1998 ESTA (Entertainment Services and Technology Association) ha iniziato a lavorare sul DMX e, nel 2004, DMX è stato approvato dall’ANSI come standard di trasmissione dati digitale seriale asincrona per il controllo di apparecchiature e accessori di illuminazione.

usitt
USITT

Qual è l’obiettivo dietro DMX

Standardizzare i diversi protocolli di illuminazione esistenti in un unico protocollo che consenta ai marchi di vari produttori di lavorare insieme. Ogni cavo controllerebbe 512 canali a velocità video vicine in modo che le luci possano produrre effetti di illuminazione e attenuazione uniformi.

Il DMX è specifico del produttore?

La risposta breve è no. DMX è un protocollo indipendente dal fornitore. Pertanto, è possibile utilizzare diverse marche di ingranaggi certificati DMX sulla stessa installazione senza ottenere risultati incoerenti.

Cosa dovresti considerare prima di installare un sistema DMX?

I controller DMX variano nella quantità di canali DMX che possono controllare e nella loro capacità di memoria. Se hai bisogno di un sistema DMX specializzato che soddisfi le tue specifiche esigenze di illuminazione, considera i seguenti fattori:

Il numero di Fixtures

Ciascuna delle tue apparecchiature avrà bisogno di un indirizzo DMX specializzato tramite un’unità di decodifica DMX. Cerca un controller in grado di controllare e indirizzare con precisione il numero di canali nel tuo dispositivo.

Il numero di canali

Dovresti considerare il numero di canali di cui ogni sezione avrà bisogno poiché il numero determina il tipo di controller DMX che puoi acquistare. Un controller a singolo canale/colore è adatto per una luce LED a un colore, mentre un controller a quattro canali è adatto per quattro canali.

Il livello di wattaggio per ogni dispositivo

Ogni controller DMX può contenere una certa quantità di wattaggio prima che possa andare in overdrive. Pertanto sarà necessario determinare il livello di potenza totale per l’apparecchiatura o la sezione e assicurarsi che non superi il limite massimo consentito. Se il tuo sistema DMX ha luci che superano quel wattaggio, aggiungi un amplificatore di segnale al resto del carico.

Come si cabla DMX

dmxx03 1

Qual è la topologia di cablaggio per DMX

Il DMX è sempre cablato in una topologia in serie proprio allo scopo di indirizzare l’unità. L’indirizzamento dell’unità richiede che se a due o più ricevitori in un circuito vengono assegnati gli stessi indirizzi, sceglieranno lo stesso valore. Assegneranno quindi a ciascuna unità lo stesso livello di colore/attenuazione.

Dopo aver cablato in serie ciascuna luce in un’unità/apparecchio, passerai all’apparecchio successivo utilizzando il “metodo di collegamento a margherita”. Il collegamento a margherita è il punto in cui si inserisce il cavo DMX iniziale nel primo dispositivo e l’uscita di questo cavo dal primo dispositivo forma l’ingresso sul secondo dispositivo e così via.

Che cos’è un trasmettitore/controllore DMX per LED?

L’inizio della tua linea DMX dovrebbe avere un controller/trasmettitore DMX. Questo trasmettitore può essere a canale singolo o multicanale a seconda del numero di canali/apparecchi che si desidera controllare. Un controller è composto da 4 modalità di controllo:

  • Selezione zona/circuito questa modalità consente di selezionare l’unità/le unità che si desidera controllare. Il tuo tipo di controller determinerà il numero di unità o canali che puoi gestire in un dato momento. Può essere un controller a canale singolo o RGB con tre canali.
  • Selezione colore controlla il colore emesso dalle luci. Un controller più avanzato ti consentirà di ottenere valori più specifici. Nella nostra sezione di seguito su come DMX trasmette i dati, sapremo in che modo l’assegnazione degli indirizzi influisce sulle uscite di colore per i nostri LED.
  • Controllo di attenuazione/dissolvenza è possibile ottenere le sfumature di attenuazione/dissolvenza desiderate con il controller utilizzando questa modalità. Inoltre, puoi combinare la selezione del colore con il controllo della dissolvenza per ottenere la tonalità di colore desiderata.
  • La selezione del programma include aspetti come inseguimento e strobo. Il tuo tipo di controller determinerà gli “effetti” che puoi impostare. Un controller più avanzato ti consentirà sostanzialmente di programmare effetti più avanzati.

Inizierai con la selezione della zona/circuito poiché è il primo passaggio, quindi colore, attenuazione e, infine, selezione del programma.

Cosa sono i ricevitori DMX?

Conosciuti anche come decoder DMX, i ricevitori DMX gestiscono le informazioni sui LED. DMX non limita il numero di ricevitori che puoi controllare insieme. È possibile utilizzare un controller per molti ricevitori.

Pertanto è possibile controllare i ricevitori individualmente o come gruppo. Tuttavia, se hai bisogno che le tue luci abbiano effetti e colori diversi, dovresti raggruppare i ricevitori.

decodificatore dmx
Decodificatore DMX

Quanti dispositivi standard può contenere un singolo cavo DMX?

32. Un singolo cavo DMX può gestire comodamente 32 dispositivi standard. Questo numero, noto anche come carico, è indipendente dai canali che un dispositivo può gestire. Uno splitter dati ti consente di aggiungere più luci al tuo singolo cavo DMX. (Maggiori informazioni su questo sotto).

Quanto deve essere lungo il cavo DMX?

Puoi collegare i tuoi 32 dispositivi su una lunghezza massima del cavo di 300 m. Tuttavia, la cosa buona è che se hai bisogno di più lunghezza del cavo e sembra che l’estensione del cavo di 300 m renderà la tua connessione instabile, puoi prendere in considerazione la suddivisione e il potenziamento dei dati. Cosa c’è comunque con questa suddivisione e potenziamento dei dati? Scopriamolo di seguito.

Il concetto di DMX Splitter e Boosting

Se hai più di 32 dispositivi/luci per un singolo collegamento a margherita, dovrai dividere il cavo DMX in più linee. Uno splitter DMX, anche DMX Opto-split/ripetitore DMX, dividerà il singolo cavo e ciascuno degli splitter di linea risultanti può gestire 32 dispositivi. Lo splitter DMX funziona copiando più volte l’uscita DMX.

12567871 800
Splitter DMX

Notare che il cavo a Y non è applicabile in questo caso. Un cavo a Y risulterebbe in una divisione passiva che introduce rumori e divide il segnale dati DMX, finendo per indebolirlo. Inoltre, le divisioni a Y non sono possibili poiché i dispositivi DMX sono collegati collegando a margherita i cavi.

Una divisione passiva può verificarsi anche se si dispone di un dispositivo che contiene connettori sia a 3 che a 5 pin e si collegano tali pin sul lato di uscita. Per evitare ciò, è possibile inserire il 5 pin e emettere il 3 pin o viceversa.

In che modo DMX trasmette i dati – Indirizzamento binario

Prendi nota di…

6545.contentimage 5f00 86504

Il concetto di pacchetti di dati

I controller DMX trasferiscono le informazioni sotto forma di pacchetti di dati alla velocità di 44 volte al secondo. Ogni pacchetto ha 512 canali di dati. E tali canali hanno un valore compreso tra 0 e 255 che si riferisce ai valori di colore come rosso, blu e verde. Inoltre, tali valori vengono trasmessi in binario cioè 0, 1

È possibile assegnare 3 o 4 canali a un’unità utilizzando il ricevitore DMX. Questo è dopo aver impostato questi ricevitori con un indirizzo utilizzando un dip switch.

Come si impostano questi indirizzi? Utilizzando l’opzione dip switch, fornirai a tutti i tuoi dispositivi/ricevitori un indirizzo iniziale e, man mano che riceveranno i dati, risponderanno agli indirizzi iniziali che si applicano a loro.

Ad esempio, un’unità con 4 canali che hanno un indirizzo iniziale di 2 risponderà ai dati che corrispondono a 2,3,4,5. DMX è unidirezionale. Pertanto, i dati vengono trasferiti in un modo, cioè solo dai controllori ai destinatari. Tuttavia, l’avvento di RDM rende possibile la comunicazione bidirezionale, come vedremo in seguito.

Qual è il problema degli 8 bit e dei 16 bit

DMX trasferisce i dati in bit, ad esempio 0, 1 o on e off. La maggior parte dei sistemi trasferisce i dati a 8 bit. Questo 8 bit consente a ciascun canale di avere 256 passi di controllo. Ad esempio, un livello di attenuazione pari a 0 detterebbe la luminosità minima, che è disattivata, mentre il livello 256 indicherebbe una luminosità massima. 8 bit dovrebbe essere abbastanza fluido da oscurare il tuo dispositivo.

Sistemi più avanzati potrebbero richiedere pacchetti di dati a 16 bit per maggiore granularità e controllo. La modalità a 16 bit utilizza due canali: regolazione grossolana e regolazione fine.

Questi 256 passaggi di controllo si riferiscono agli attributi sulla tua rete di illuminazione. Includono i livelli di luminosità, i mix di colori e l’intensità di questi colori.

Quali cavi utilizzare con DMX

Il sistema DMX iniziale utilizzava connettori XLR a 5 pin e XLR a 3 pin. Tale era la situazione in cui i produttori utilizzavano connessioni e pinout proprietari e la maggior parte degli utenti si adattava a questo.

Tuttavia, il DMX più recente (discusso di seguito) utilizza i cavi modulari a 8 pin (RJ-45) e Cat X. Puoi usare un cavo Mic se funziona bene? NO! I cavi microfonici potrebbero essere simili a XLR a 3 pin. Tuttavia, hanno un’elevata capacità che indebolirà i segnali DMX.

cavi
Cavi

È possibile utilizzare cavi Cat X e connettori RJ45?

Assolutamente! DMX512-A è la versione più recente di DMX che consente l’uso di questi cavi per l’installazione fissa in cui il normale collegamento e scollegamento non è lo scenario come prima. Questi cavi hanno tre vantaggi:

  • L’impedenza di 120 ohm
  • Bassa capacità
  • Conformità alle considerazioni meccaniche e sono testati e confermati per l’uso da ESTA

DMX512-A come aggiornamento alla versione DMX precedente

DMX512-A è uno standard dell’American National Standard Institute gestito dall’organizzazione PLASA. Questa versione più recente, chiamata ufficialmente ANSI E1.11, presenta nuove funzionalità e definizioni identificate di seguito:

Nuove caratteristiche

Caratteristicacaratteristica
Compatibilità con le versioni precedenti L’alimentatore per DMX512-A può funzionare bene con il vecchio DMX512
Pacchetto informazioni di sistema (SIP) Principalmente per impianti di grandi dimensioni in modo tale che questi SIP vengano trasmessi a basse frequenze
Pacchetto di testo Consente di inviare informazioni di testo tramite segnale DMX
Pacchetto di prova per l’installazione È un tipo di dati DMX che consente di rilevare chiaramente un problema di distribuzione dei dati
Un sistema di codici identificativi univoci del produttore Consente di identificare qualsiasi apparecchiatura di elaborazione da qualsiasi punto all’interno dell’installazione DMX
RDM/protocollo di gestione dei dispositivi remoti Abilita la comunicazione bidirezionale tramite il cavo DMX

Nuove definizioni standard

DefinizioneAttributo
Livelli più elevati di protezione elettrica per la connessione dati Protegge da potenziali danni da fulmini ed elettricità statica
Pratiche di messa a terra consentite Migliora la compatibilità tra i dispositivi installati
Utilizzo dei pin 4 e 5 Non può essere utilizzato con il nuovo DMX512-A
Utilizzo del connettore Proibisce l’uso di XLR a 3 pin con la nuova versione

Cos’è l’RDM

RDM è un dispositivo che consente la comunicazione bidirezionale su cavo DMX512-A tramite un doppino intrecciato di fili collegati ai pin 2 e 3. Richiede splitter DMX intelligenti in grado di monitorare i dati per un comando che inverte la direzione di un cavo. La stessa coppia di fili trasferisce i dati dai controllori ai ricevitori.

Vantaggi di RDM

  • Può essere adattato in installazioni esistenti costituite da un cavo a coppia singola.
  • Molti prodotti DMX dispongono già di elettronica per la comunicazione bidirezionale. Pertanto, è possibile aggiornare facilmente tali prodotti a RDM per le installazioni DMX per le comunicazioni bidirezionali utilizzando una modifica del software.
  • RDM consente alla tua console di impostare l’indirizzo di base per le luci. Quindi non c’è bisogno di dip switch.
dmx rdm 1
DMX e RDM

Hai bisogno di una terminazione di linea con DMX?

I protocolli DMX richiedono che l’estremità di una linea DMX sia terminata con un resistore da 120 ohm. La ragione di ciò coinvolge tre aspetti di un cavo elettrico: induttanza, capacità e resistenza. Questi tre formano un’impedenza caratteristica indipendente dalla lunghezza del cavo.

Un cavo DMX ha tipicamente un’impedenza elettrica di 120 ohm che risulta dai tre aspetti precedenti. I segnali digitali DMX che trasferiscono i dati sono fondamentalmente impulsi digitali. Questi impulsi non apprezzano le variazioni di impedenza elettrica lungo il cavo DMX. Ora immagina un cambiamento dai 120 ohm del cavo all’impedenza infinita alla fine della linea (un circuito aperto).

Tali grandi cambiamenti fanno sì che gli impulsi rimbalzino e interrompano altri impulsi in arrivo che alla fine provocano il malfunzionamento delle luci .

DMX: un marchio aggiornabile

DMX come protocollo di illuminazione è cresciuto negli anni per soddisfare gli usi nell’illuminazione non teatrale e architettonica rispetto agli usi degli spettacoli sul palco che era solito ospitare. Cosa significa questo? Dovremmo aspettarci un ambito ancora più ampio che definisca l’illuminazione orticola? Forse si. I driver LED dimmerabili uPowerTek DMX sono già decodificatori DMX integrati, il che rende il cablaggio molto semplice, contattaci ora per avere un preventivo.

    *We respect your confidentiality and all information is protected


    Post correlati

    Sommario

    dali ultimate guide 1

    Per aiutarti a comprendere meglio la tecnologia di regolazione DALI, abbiamo creato un libro PDF di 30 pagine. Puoi ottenerlo gratuitamente oggi semplicemente inserendo la tua e-mail qui.

    Scroll to Top