Concetti diversi sui driver LED di Classe 2 e Classe II

La scelta di un alimentatore per il tuo progetto può essere impegnativa e difficile perché ci sono così tante opzioni e normative da seguire a seconda di dove si trova il tuo progetto.

Potresti imbatterti in regolamenti che richiedono a Alimentazione di Classe 2 o Classe II mentre lavori al tuo progetto, ed è particolarmente difficile decidere tra Classe 2 e Classe II. Queste due classificazioni possono sembrare simili, ma hanno significati molto diversi.

Entrambe sono classificazioni significative, però, perché riguardano la sicurezza dell’alimentatore e dell’utente. Pertanto, è importante comprendere concetti diversi sui driver LED di classe 2 e classe II. La distinzione tra loro è molto più grande di quanto suggeriscano i loro nomi!

Allora, qual è esattamente la differenza tra la classe 2 e la classe II?

Discutiamo entrambi in dettaglio!

Definizione UL Classe 2

I driver LED UL Classe 2 sono conformi allo standard UL1310, che indica che l’uscita è considerata sicura al tatto e non richiede una protezione di sicurezza primaria a livello di LED/apparecchio di illuminazione.

Non c’è pericolo di incendio o scossa elettrica. Questi driver LED hanno una tensione nominale inferiore a 60 volt (in applicazioni asciutte) e 30 volt (in applicazioni bagnate), una corrente nominale inferiore a 5 ampere e una potenza nominale inferiore a 100 watt. A causa di queste restrizioni, il numero di LED che un driver LED di Classe 2 può gestire è limitato.

circuito V

Per essere classificato come Classe 2, un alimentatore deve anche soddisfare i requisiti del NEC (The National Electric Code). Il National Electric Code, spesso noto come NFPA 70, è un insieme di norme e regolamenti che regolano la progettazione, l’installazione e l’ispezione sicure di cablaggi e apparecchiature elettriche sia in luoghi residenziali che commerciali.

immagini

Queste linee guida riguardano i requisiti di cablaggio e i vincoli di alimentazione dell’alimentatore al fine di ridurre il rischio di scosse elettriche o incendi. Ecco una panoramica di tali requisiti.

gettyimages 1175059238 fuochi elettrici 1200 x 630 min

Le limitazioni di potenza dell’alimentatore sono l’aspetto essenziale dello standard NEC Classe 2. Gli alimentatori LED convertono l’elettricità da 120 V in elettricità a bassa tensione da 12 V o 24 V. I driver LED da 12 V CC devono essere di 60 W o meno e i driver LED da 24 V CC devono essere di 96 W o meno affinché gli alimentatori siano conformi alla Classe 2. Queste restrizioni servono a ridurre il rischio di scosse elettriche o surriscaldamento causato da correnti elevate.

Il driver multi-tap ad alto wattaggio ha 5 uscite separate da 60 W, ciascuna con il proprio interruttore automatico, assicurando che se una delle uscite subisce un picco, le altre non ne risentono. È come avere numerosi driver LED e una scatola di giunzione in un’unica unità, ed è un’alternativa più economica e semplice da installare rispetto all’utilizzo di più driver LED da 60 W. Un solo interruttore controlla tutte le uscite, quindi non avrai bisogno di più interruttori a meno che tu non abbia bisogno di un controllo individuale per una sezione di illuminazione, come un dimmer.

Gli alimentatori che soddisfano lo standard Classe 2 sono sempre etichettati o contrassegnati come tali.

bld 096 classe2

L’alimentatore di Classe 2 deve essere costruito con cavo In-Wall Rated per l’installazione permanente all’interno di pareti o pavimenti, dove potrebbe essere presente isolamento. Il NEC approva il cavo classificato per pareti interne di Classe 2 per l’installazione all’interno delle pareti perché aggiunge un ulteriore livello di protezione contro le crepe e la fusione.

Controlla qui i driver LED uPowerTek classe 2 .

Driver LED di classe II

Per essere classificato come Classe II, che differisce dalla Classe 2, un alimentatore deve essere conforme alle linee guida di progettazione della IEC (International Electrotechnical Commission) che si riferiscono alla costruzione interna e all’isolamento elettrico dell’alimentatore.

cii s2f

Un alimentatore di Classe II ha due strati di isolamento (o un singolo strato di isolamento rinforzato) tra l’utente e i conduttori interni che trasportano corrente. E il primo strato è comunemente indicato come “isolamento di base”. L’isolamento visto che circonda i fili che escono dall’alimentatore è noto come isolamento di base. Il secondo strato di isolamento è in genere un involucro isolante che racchiude il prodotto, come la custodia in plastica che si trova sui supporti a parete e sugli alimentatori da tavolo.

bld 400 classe ii

Gli alimentatori di classe II sono identificabili sull’etichetta da un quadrato grande con un quadrato più piccolo al suo interno.

Per proteggersi dai rischi di scosse elettriche, le forniture di Classe II non fanno affidamento su un collegamento a terra. Anche molti alimentatori esterni sono classificati come Classe II poiché hanno solo un ingresso CA di linea e neutro e nessuna connessione di terra.

Invece di un cavo di alimentazione a tre fili con un filo di terra per la protezione, l’alimentatore di Classe II presenterà un cavo di alimentazione a due fili.

Differenza tra Classe 2 e Classe II

ClassificareClasse 2Classe II
Istituzione standardUL/CUL/NECCEI
DescrizioneUscita (<100W, <60V,<5A)Ingresso (cavo di alimentazione a due fili)
IsolamentoLimitazione elettricaDoppio isolamento
Concetti correlatiClasse 1Classe I

IEC Classe I e Classe II

I modelli con ingresso IEC Classe I hanno un isolamento di base e devono includere un collegamento di messa a terra sicuro per ridurre il rischio di scosse elettriche.

I tipi di ingresso IEC Classe II includono ulteriori precauzioni di sicurezza, tra cui il doppio isolamento o l’isolamento rinforzato, che elimina la necessità di un collegamento di messa a terra di protezione.

La distanza di isolamento dei dispositivi di classe II deve essere molto maggiore rispetto ai dispositivi di classe I, come mostra la figura seguente.

equipaggiamento di classe

Riepilogo

Le classificazioni di Classe 2 e Classe II si riferiscono alle caratteristiche di sicurezza in atto per evitare scosse elettriche e incendi piuttosto che alle capacità dell’alimentatore stesso.

senza nome

Comprendere le differenze tra due opzioni di alimentazione può aiutare a scegliere il prodotto corretto per il lavoro.

In generale, le etichette di Classe 2 si riferiscono alla capacità di uscita di un alimentatore, mentre le designazioni di Classe II si riferiscono alla struttura interna e all’isolamento di un alimentatore.

Se stai cercando driver LED di classe 2, puoi controllare qui i driver LED di classe 2 uPowerTek UL.

Post correlati

Sommario

dali ultimate guide 1

Per aiutarti a comprendere meglio la tecnologia di regolazione DALI, abbiamo creato un libro PDF di 30 pagine. Puoi ottenerlo gratuitamente oggi semplicemente inserendo la tua e-mail qui.

Scroll to Top